CheScelta
monese

Monese

Vota questo articolo

Monese è una carta ricaricabile, associata ad un conto virtuale gestibile da app. La società emittente la definisce un conto corrente, in quanto condivide con questo tipo di prodotto bancario molte delle funzionalità tipiche di un conto. Scopiamone caratteristiche, costi, limiti e i diversi piani tra i quali è possibile scegliere.

Ti spiegheremo inoltre come richiederla, per chi è consigliata e risponderemo ad alcune delle domande più ricorrenti su Monese, prima di concludere con un giudizio complessivo sulla carta.

La carta in sintesi

Prepagata
Caratteristiche
Voto / Vantaggi
Attivazione Gratis
Anche per cattivi pagatori
Carta prepagata Monese
  • Prepagata: con IBAN
  • Canone: 0 - 4,95 - 14,95€/mese
  • Circuito: Mastercard
  • Limite Ricarica: Illimitato
  • Limite Spesa: 7000 €
  • Limite Prelievo: 350€/giorno
Carta aggiuntiva inclusa

Gratis (piano Simple)

RICARICA GRATUITA

Tassi di cambio vantaggiosi

Conto in euro/pound

Promozioni in corso

15 euro di bonus per i nuovi clienti | CODICE PROMO: non necessario | promo senza scadenza

Caratteristiche principali

  • Emittente: Monese Ltd
  • Circuito: Mastercard
  • Tipo di carta: Carta prepagata con Iban
  • Conto corrente abbinato:  NO
  • Limiti: ricarica annuale: illimitata, pagamenti 7000€/giorno, 350€/giorno prelievi
  • Contactless: SI

Monese è una carta prepagata emessa da Monese Ltd, una società autorizzata con sede nel Regno Unito. La carta conto è disponibile anche per i clienti italiani e più in generale, per tutte le persone che risiedono in Europa.

Si tratta di un prodotto con molte caratteristiche positive e pochi punti critici, come vedremo meglio in seguito. La carta è contactless ed è dotata di IBAN, fattore che consente di utilizzarla anche per inviare e ricevere bonifici o addebiti ricorrenti.

Monese la definisce un vero e proprio conto, per le caratteristiche avanzate che consentono di effettuare molte delle operazioni più comuni dei conti correnti. La carta non presenta un limite alle ricariche che può ricevere; tuttavia il saldo massimo non può mai superare i 50.000 euro.

La ricaricabile Monese è gestibile solo dall’app ed è riservata agli utilizzatori privati, anche se con un’eccezione, come vedremo in seguito.

I costi

  • Canone annuo: 0 – 7,99 – 13,99€ (a seconda del piano scelto)
  • Costo di emissione: gratuito
  • Costi di ricarica: gratis
  • Commissioni prelievo: gratuito fino a 200/80o€ mensili o illimitati (in funzione del piano)

Monese è una carta di pagamento prepagata con costi di utilizzo dipendenti dal piano sottoscritto. Come vedremo in seguito permette infatti di scegliere tra tre piani mensili che si differenziano per alcune delle condizioni applicate. In generale in questa recensione parleremo delle caratteristiche comuni alla carta, mentre entreremo più nel dettaglio dei diversi piani nei paragrafi dedicati.

Costo di emissione: gratis

La richiesta, l’emissione e l’attivazione di Monese sono del tutto gratuite. Oltre alla prima, è possibile ricevere gratuitamente anche una seconda carta. Dopo aver ricevuto l’e-mail di conferma dell’account, viene fornito immediatamente il codice IBAN associato alla carta che si riceverà successivamente all’indirizzo citato in fase di registrazione.

Canone mensile: gratis per il piano Simple

Simple è il piano di accesso per la carta Monese. Non prevede il pagamento di un canone mensile, richiesto invece per gli altri piani. Scegliendo il piano base si ha quindi l’opportunità di usufruire di una carta gratuita sia per quanto o riguarda l’emissione sia per il costo di riutilizzo. Pur trattandosi di una ricaricabile gratis in questo senso è bene però sottolineare che alcuni alcuni tipi di operazioni prevedono il pagamento di una commissione percentuale.

Aderendo ai piani a pagamento, a fronte del canone mensile diminuiscono i costi connessi alla carta; affronteremo nello specifico questo aspetto nei paragrafi di confronto tra il tre diversi piani disponibili per Monese.

Ricariche gratuite

Oltre alla possibilità di aere una carta senza canone mensile, Monese offre ai clienti anche l’opportunità di ricaricare gratuitamente. La ricarica infatti non prevede costi sia per quanto riguarda l’accredito con bonifico sia per le ricariche con altre carte di pagamento.

Ritirare contanti? Gratis, ma…

Il ritiro di contanti è gratuito con questa prepagata. Tuttavia Monese differenziata la soglia dei massimali per il ritiro senza l’applicazione di una tariffa. Nel dettaglio il piano Simple consente di ritirare fino a 200 euro al mese, mentre il piano Classic innalza questa soglia a 800 euro. Il limite massimo non è invece previsto per il piano Premium.

Superata la soglia specifica per ogni piano viene applicata una commissione percentuale del 2% dell’importo prelevato.

I limiti di prelievo e utilizzo

  • Importo massimo ricaricabile: illimitato
  • Limite di spesa: 7000€/giorno
  • Limite di prelievo: 350€/giorno
  • Limite di trasferimento: illimitato

A prescindere dal piano scelto Monese offre possibilità di utilizzo e limiti molto interessanti e più che adeguati per quanto riguarda l’uso anche abituale di una carta di pagamento ricaricabile.

Plafond: importo massimo ricaricabile

Monese non stabilisce un limite massimo all’importo che è possibile ricaricare. Tuttavia non è consentito avere un saldo superiore ai 50.000 euro sulla carta. Questo significa che raggiunto tale saldo non sarà possibile effettuare nuove ricariche, a prescindere dall’effettivo utilizzo della carta stessa.

In altri termini Monese non considera le operazioni effettuate in un dato periodo di tempo, ma semplicemente pone un tetto massimo oltre il quale le possibilità di ricarica vengono annullate.

Limite di prelievo contanti giornaliero

Per quanto riguarda i prelievi di contante è stato fissato un limite massimo di 350 euro al giorno, uguale per tutti piani tariffari previsti. Da questo punto di vista la carta offre una soglia di prelievo inferiore rispetto ad alcuni prodotti concorrenti, ma tendenzialmente in linea con quanto offerto di solito da questa tipologia di carte di pagamento.

Commissioni di cambio

Monese è una carta che nasce con il preciso intento di consentire l’operatività in diverse valute; in particolare al momento gli utenti possono scegliere tra euro e sterlina.

Ciò che rappresenta però un vantaggio di questa carta è il tasso di cambio applicato, variabile dallo zero al 2% a seconda del piano scelto. Da questo punto di vista la carta rappresenta una buona opportunità soprattutto per chi riceve pagamenti in valute diverse o semplicemente per chi per i motivi più diversi si trova molto spesso ad effettuare viaggi o acquisti in una valuta diversa dall’euro.

A chi si rivolge?

Monese è una carta di pagamento che ben si adatta alle esigenze di molte persone ma che può essere considerata più vantaggiosa per alcune categorie. Ne abbiamo identificate alcune.

  • Cattivi pagatori: la carta può essere adatta per tutti coloro che in passato hanno avuto problemi di credito o per chi potrebbe avere difficoltà ad accedere ad altri strumenti di pagamento. I requisiti per la richiesta di questa ricaricabile infatti sono semplicemente quello di aver compiuto la maggiore età e di risiedere nell’area euro.
  • Viaggiatori: si può rivelare utile anche per coloro che effettuano viaggi per i motivi più diversi, grazie sia all’appartenenza al circuito MasterCard che ne consente ampie possibilità di utilizzo, sia per i tassi applicati sui cambi.
  • Freelance: la carta è concepita per un utilizzo privato ma Monese afferma che essa possa essere utile anche per i freelance. La carta consente di ricevere pagamenti in valute diverse e anche di essere utilizzata senza problemi all’estero, come se si trattasse di una sorta di conto corrente che il professionista può portare sempre con sé, a prescindere dal paese dal quale lavori.

Come si richiede

La carta prepagata Monese è richiedibile esclusivamente on-line. La registrazione avviene accedendo al sito web, dal quale viene richiesto di scaricare l’applicazione, disponibile per iOS e Android. Dopo aver scaricato l’app si può iniziare con la registrazione vera e propria.

  1. Dopo aver aperto l’app, è necessario tappare su apri conto e compilare i dati richiesti.
  2. Successivamente Monese chiede di scattare un selfie in cui si veda il proprio documento d’identità.
  3. Dopo la verifica della regolarità del documento, si riceve un IBAN già attivo ed utilizzabile.
  4. A questo punto è possibile richiedere la carta del proprio conto, che verrà spedita all’indirizzo specificato dal richiedente.

Diversamente da quanto avviene per altre carte, la richiesta di Monese può essere effettuata solo dall’app. Nonostante sia infatti presente un sito, questo non concede in alcun modo la possibilità né di richiedere la carta né di accedere agli account già attivi.

Come ricaricarla

La carta Monese può essere ricaricata con diverse modalità: tramite bonifico bancario, con un’altra carta, con invio diretto da un altro utente oppure utilizzando Apple Pay e Google Pay. Anche se citata sul sito, la possibilità di ricarica in contanti è al momento disponibile esclusivamente nel Regno Unito.

Bonifico bancario

Abbiamo già detto in precedenza che le carte emesse da Monese sono dotate di un codice IBAN; questo significa che sono abilitate sia ad emettere sia a ricevere bonifici. Monese non applica alcuna tariffa ai bonifici ricevuti; tuttavia potrebbe accadere che la società che emette il bonifico applichi delle commissioni.

Consigliamo di fare riferimento alla banca emittente per quanto riguarda questo aspetto e anche per conoscere i tempi di ricezione del bonifico, che solitamente non richie però più di un paio di giorni.

Da altra carta

La seconda possibilità di ricarica consistente nell’utilizzare un’altra carta di pagamento, che può essere sia intestata allo stesso titolare della carta Monese sia a terzi. Anche in questo caso i tempi di ricarica ed eventuali commissioni dipendono dalla carta che invia il denaro; per questo rimandiamo sempre specifiche del prodotto per conoscere tutti i dettagli.

Da altro account Monese

Una terza possibilità di ricarica consiste nell’invio di denaro da un altro account Monese. L’app permette infatti di inviare soldi in tempo reale tra account, anche in questo caso senza l’applicazione di alcun tipo di commissione.

Google Pay e Apple Pay

La quarta e ultima modalità di ricarica quella tramite gli account Google PayApple Pay. Per utilizzare questi due strumenti di pagamento è necessario, oltre ad avere un account registrato, collegare la carta Monese agli account stessi.

Monese Simple, Classic e Premium a confronto

Nel corso di questa recensione ti abbiamo parlato della presenza di tre diversi piani Monese tra i quali scegliere. Analizziamoli quindi nel dettaglio per permetterti di capire le differenze tra i tre e di conseguenza decidere quale possa essere il più adeguato per le tue esigenze di utilizzo.

 
Monese Simple
Monese Classic
Monese Premium
Emissione della carta

Gratis

Gratis

Gratis

Canone

o€

4,95€/mese

14,95€/mese

Prelievi mensili gratuiti (soglia massima)

200 €

800 €

Illimitati

Tariffa prelievi (oltre soglia massima)

2%

2%

Non prevista

Tasso di cambio

2%

0,5%

0%

Spesa in valuta estera (con carta, soglia max)

2000€

8000€

Illimitata

Spesa in valuta estera (oltre soglia max

2%

2%

Non prevista

 
Monese Simple

Gratis

o€

200 €

2%

2%

2000€

2%

Monese Classic

Gratis

4,95€/mese

800 €

2%

0,5%

8000€

2%

Monese Premium

Gratis

14,95€/mese

Illimitati

Non prevista

0%

Illimitata

Non prevista

Monese Simple

Simple è il piano base offerto dalla carta ricaricabile Monese. Un piano gratuito che non prevede nessun costo per il mantenimento e l’utilizzo della carta, almeno entro certi limiti.

Infatti, pur trattandosi di un conto gratuito, Simple prevede una soglia di prelievo di 200 euro massimi mensili, oltre la quale viene applicata una commissione pari al 2%.

Chi sceglie questo piano può usufruire di un tasso di cambio pari al 2%, superiore rispetto a quello applicato agli altri piani. Il conto permette inoltre di effettuare spese con la carta in valuta diversa da quella di sottoscrizione del conto, per un importo massimo di 2000 euro. Oltre questa soglia si applica una commissione del 2% per ogni acquisto.

In virtù delle commissioni applicate il piano gratuito può essere considerato tale a patto che si ponga attenzione a non superare le soglie mensili previste. Chi avessi esigenze di spesa superiori o volesse innalzare le soglio oltre e quali è prevista una tariffa può prendere in considerazione anche il piano Classic.

Monese Classic

Classic è il secondo piano previsto per questa carta di pagamento ricaricabile. Diversamente dalle piano base, richiede il pagamento di una tariffa mensile pari a 4,95 euro. A fronte di questa commissione l’utente ha la possibilità di usufruire di prelievi fino a 800 euro mensili; oltrepassata questa soglia si applica una commissione del 2%.

Anche il tasso di cambio è diverso rispetto a quello previsto per il piano gratuito; viene infatti richiesta una commissione dello 0,5%. Il piano consente anche di effettuare spese fino ad una soglia massima di 8000 euro, oltrepassata la quale sia applicata la commissione del 2% su ogni acquisto.

In questo caso la presenza di un canone mensile, comunque piuttosto ridotto, è compensata dalle maggiori soglie di operatività rispetto al piano base. Nel caso in cui ritenessi che comunque queste commissioni non siano adeguate alle tue esigenze, potresti considerare anche il piano superiore, denominato Premium.

Monese Premium

Premium è il terzo profilo previsto per questa carta ricaricabile. Richiede il pagamento di 14,95 euro mensili, ma a differenza dei piani precedenti elimina i vincoli di utilizzo e di conseguenza anche la presenza di commissioni.

L’adesione al piano consente infatti di effettuare prelievi gratuiti illimitati e richiedere cambi da e verso altre valute senza l’applicazione di una commissione. Permette inoltre di utilizzare la carta prepagata per spese sia in euro sia in valuta diversa, senza l’applicazione di una commissione.

I tre piani non differiscono invece sostanzialmente per quanto riguarda i servizi inclusi; per la scelta ti consigliamo quindi di valutare attentamente le tue esigenze di spesa e le operazioni che effettui più di frequente, in modo da capire quale dei tre piani possa essere davvero più conveniente per il tuo caso.

Domande frequenti

Prima di concludere con un giudizio finale e le nostre opinioni sulla carta, rispondiamo amo ad alcune delle FAQ che vengono post in merito all’utilizzo di Monese.

Non sono ancora maggiorenne, posso richiederla?

Uno dei due requisiti di richiesta della carta è quello di essere maggiorenni, oltre ad avere la residenza uno stato europeo. Di conseguenza i minorenni non possono richiedere la carta che non può nemmeno essere richiesta da un genitore a nome del figlio, in quanto durante la registrazione è necessario presentare una propria foto con un documento d’identità.

Chi necessitasse però di una carta intestata direttamente ad un minore può prendere in considerazione alcune altre carte prepagate che offrono questa possibilità.

È autorizzata in Italia?

Monese è una carta emessa da una società con sede nel Regno Unito, ma è autorizzata ad operare anche in Italia. Di conseguenza la richiesta della carta è del tutto legale, così come il suo utilizzo sia Italia sia all’estero.

Monese è un conto corrente o una carta di credito?

Anche se si definisce un conto, Monese non è propriamente un conto corrente. Si tratta infatti di un account collegato ad una carta di pagamento prepagata. Pur non essendo tecnicamente un conto corrente Monese permette però di compiere molte delle operazioni che tipicamente vengono effettuate con questo tipo di prodotto bancario come esempio la ricezione dei bonifici, dei pagamenti ricorrenti o gli acquisti on-line e off line.

Monese non è però neanche una carta di credito; a differenza di queste non può essere utilizzata oltre il saldo presente sul conto collegato.

La nostra opinione

Abbiamo già avuto modo di esprimere alcune opinioni durante il corso di questa recensione. Il nostro giudizio complessivo sulla carta prepagata Monese non può quindi che essere buono.

Monese offre infatti una buona soglia di operatività e da questo punto di vista, un punto a suo favore è certamente rappresentato dall’assenza di una soglia di ricarica massima. Nonostante sia presente un limite al saldo massimo che possibile avere sulla carta, tuttavia questo saldo è talmente elevato da essere più che adeguato per un normale utilizzo da parte della maggior parte dei possibili utilizzatori.

La presenza di un piano mensile gratuito è certamente un punto a favore della convenienza di carta Monese, anche se l’operatività di questo profilo è piuttosto limitata soprattutto per quanto riguarda le possibilità di prelievo gratuite.

Tuttavia la presenza di tre diversi piani tra i quali scegliere consente all’utilizzatore di selezionare quello che maggiormente si avvicina alle sue esigenze. La convenienza di questa carta è comunque soggettiva, in quanto molto influenzata dal numero di operazione a pagamento e soprattutto dall’importo delle stesse, in quanto le commissioni applicate sono sempre percentuali.

Nel caso di utilizzo molto frequente della carta, potrebbe essere conveniente la sottoscrizione del piano Premium, che presenta un costo comunque piuttosto importante se paragonato a quello di altre carte concorrenti.

I servizi offerti dalla carta sono interessanti, soprattutto in merito all’assenza di limiti per l’utilizzo e all’elevata soglia di prelievo, superiore rispetto a quella della maggior parte delle carte concorrenti.

L’appartenenza al circuito MasterCard e la possibilità di utilizzare la carta in sterline oltre che in euro, aggiunta ai tassi di cambio interessanti, fa assegnare un ulteriore punto a favore rispetto alle possibilità di utilizzo di questo prodotto prepagato. Da sottolineare anche l’assenza di costi di ricarica.

Le opinioni degli utilizzatori di carta Monese mostrano però anche alcuni aspetti meno positivi per questa carta. Tra le possibili critiche abbiamo individuato certamente quella della gestione e della registrazione esclusivamente da app che non consente quindi il controllo tramite computer. Tuttavia quest’aspetto non influisce più di tanto sull’utilizzo del prodotto.

Meno marginali sono invece le opinioni di chi utilizza Monese rese in merito al servizio clienti, in alcuni casi definito ottimo mentre in altri sono state rilevate alcune difficoltà sia per i tempi di gestione dei reclami sia per quanto riguarda l’effettiva possibilità di risoluzione delle problematiche.

Anche alla luce di questi aspetti non positivi il nostro giudizio si conferma comunque buono per un prodotto molto versatile, semplice da ricevere e dai costi tutto sommato contenuti.

Punti forti e punti deboli

PRO ↗️
  • Gratuita (piano Start)
  • In due valute (euro/sterlina)
  • Ricariche gratuite
  • Bassi costi di cambio
CONTRO ↘️
  • Assistenza clienti
  • Non richiedibile dalle aziende

Il nostro voto

Convenienza80%
Sicurezza90%
Servizi85%

Contatti

Sito web: https://monese.com/gb/it

Assistenza clienti: chat dall’app

E-mail: support@monese.com

Telefono: +441706304001

Foglio informativo

scarica file Leggi il Foglio Informativo

 

💳 Prepagata N°1 – 2019

Carta Conto N26 (base)
Vai al Sito »

Clicca qui per la classifica completa!

Le migliori prepagate 2019?

Cerchi le Migliori Prepagate?
SCOPRI LA N°1 CLASSIFICA