CheScelta
Home » Assicurazioni vita » Tipologie polizze vita » Polizza Long Term Care

Polizza Long Term Care

Vota questo articolo

Che cos’è e come funziona la Polizza Long Term Care (LTC)? Anche se questa tipologia di polizza assicurativa è scarsamente diffusa in Italia, è assai importante conoscere che cosa copre e quando è importante sottoscriverla.

Anche se rientra tra le Assicurazioni Ramo Vita, in effetti, può essere facilmente collocata tra le polizze malattia per coprire il rischio di perdita di autosufficienza.

Quando si parla di perdita di autosufficienza si deve intendere il venir meno della capacità di svolgere autonomamente le principali azioni quotidiane come: muoversi, lavarsi, mangiare, parlare, ascoltare, prendersi cura dei figli, fare la spesa, etc.

Fatta questa necessaria premessa, scopriamo in questa guida che cos’è l’assicurazione LTC, come funziona e quanto costa una polizza Long Term Care.

Assicurazioni Long Term Care: cosa coprono?

I costi elevati delle prestazioni sanitarie, degli esami specialistici e diagnostici e dei medicinali rendono le polizze malattie assai costose sia per i sottoscrittori che per le stesse Compagnie assicurative.

Per ovviare a questa tipologia di problematica e per limitare l’entità dei risarcimenti, molte Compagnie assicurative offrono la possibilità ai propri sottoscrittori di accedere a strutture sanitarie convenzionate (case di cura, laboratori di analisi, poliambulatori, etc.).

Il mercato attuale delle polizze malattie è caratterizzato dalla possibilità di sottoscrivere tre diverse tipologie di polizze ancora poco diffuse: l’assicurazione Long Term Care o LTC, la copertura Dread Disease o grandi eventi e la Permanent Health Insurance.

Tutte queste tre polizze malattia, compresa l’assicurazione LTC, costituiscono il IV dei rami vita.

Le polizze Long Term Care o LTC sono quelle coperture assicurative pensate contro il rischio di perdita dell’autosufficienza, ovvero in caso di sopravvenuta incapacità di svolgere gli atti elementari della vita quotidiana.

Tra gli atti della vita quotidiana ovvero ADL (Activities of Daily Living) si considerano:

  • muoversi;
  • alzarsi da letto;
  • lavarsi;
  • mantenere un livello ragionevole di igiene personale;
  • vestirsi e svestirsi;
  • bere e mangiare autonomamente;
  • essere continenti;
  • capacità di parlare;
  • capacità di ascoltare.

Si considera non autosufficiente una persona che non sia in grado di effettuare in modo completo un numero predeterminato delle suddette attività elementari.

Trova la migliore polizza LTC

📞 Ti Mettiamo in Contatto (Gratis e Senza Impegno) con un Esperto della Tua Zona!

Chi può sottoscrivere le polizze LTC?

Generalmente chiunque abbia un’età compresa tra i 20 ed i 65 anni può sottoscrivere una polizza assicurativa Long Term Care.

Il venir meno della capacità di svolgere uno o più atti della vita quotidiana può rendere ciascuno di noi non autosufficiente e ciò può avvenire a causa di una patologia o a seguito di un infortunio.

La perdita dell’autosufficienza è uno dei tanti costi al quale lo Stato non è in grado di sostenere per i continui “tagli” alla spesa pubblica del Sistema Sanitario Nazionale.

Polizza LTC: Quali prospettive in Italia?

Nonostante l’assicurazione LTC sia ancora poco sviluppata in Italia, dobbiamo considerare che il prossimo futuro sarà caratterizzato da un aumento della vita media e da basso tasso di natalità.

Per evitare un incremento insostenibile dei costi sanitari che si ripercuoteranno sul benessere economico sociale e sulle casse dello Stato italiano, diventa sempre più urgente correre ai ripari e stipulare una polizza assicurativa malattia come una LTC.

Questa copertura assicurativa è nata in Gran Bretagna e trova consensi negli Stati Uniti, in Germania e in Francia.

Le ragioni dello scarso successo nel Belpaese sono dovute alla ritrosia a tutelare la persona dagli imprevisti della vita.

Tuttavia, non possiamo negare il fatto che, nell’attuale contesto, il rischio della non autosufficienza è sempre più presente per le mutate situazioni sociali legate alla composizione e alla disgregazione territoriale dei nuclei famigliari, che in passato assicuravano invece un validissimo sostegno all’anziano in difficoltà.

Polizza Long Term Care: erogazione della prestazione assicurativa

Si ha diritto a ricevere l’indennità alla perdita di almeno tre ADL indicatrici della capacità di autosufficienza.

La modalità di prestazione più frequentemente offerta consiste nell’erogazione di una rendita da corrispondersi al verificarsi della non autosufficienza in rata prestabilita nel contratto assicurativo in modo forfettario o in rata variabile con il grado di autosufficienza.

Inoltre, oltre alla rendita, è possibile che le Compagnie assicurative prevedano la possibilità di erogare come prestazione assicurativa un capitale: risarcimento delle spese di assistenza ricevute o le prestazioni di servizio come, ad esempio, l’assistenza presso gli istituti di cura ed i centri convenzionati con la Compagnia assicurativa.

La polizza LTC è, spesso e volentieri, offerta come integrazione ad una polizza vita: in questo caso una parte del capitale della polizza viene pagato al beneficiario all’atto della perdita di autosufficienza, anziché al momento del decesso.

Assicurazione LTC: quali sono i vantaggi?

Oltre che produrre esternalità positive e ridurre i costi sociali, sottoscrivere una polizza assicurativa Long Term Care consente ad ogni assicurato di beneficiare di una serie di vantaggi:

  • possibilità di pagare un premio di importo contenuto,
  • possibilità di beneficiare delle convenzioni siglate tra Compagnia assicurativa e case di cura, ambulatori, centri medici specialistici e diagnostici, a strutture sanitarie private,
  • possibilità di integrare le prestazioni pubbliche e contare su una sicurezza concreta,
  • affrontare la terza età in modo più rassicurante e rilassato,
  • facoltà di proseguire la copertura senza accertamenti sanitari,
  • erogazione di un sostegno mensile finché permane lo stato di non autosufficienza, per garantirsi un’assistenza continua nel tempo, integrativa all’assistenza pubblica, possibilità di detrarre il premio dalle imposte sui redditi,
  • la rendita è fiscalmente esente, come da normativa vigente: in caso di perdita dell’autosufficienza non è colpita dall’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche (IRPEF).

Assicurazione LTC: la durata e le tipologie

La durata della polizza malattia LTC dipende dal tipo di formula scelta.

Esistono due tipi di soluzioni offerte dalle compagnie assicurative:

  1. Polizza LTC a vita intera: i premi vengono versati fino alla morte della persona o al verificarsi di una situazione di bisogno,
  2. Polizza LTC temporanea, che prevede il pagamento del premio per una durata prefissata. Una volta scaduto il termine contrattuale, si può di proseguire con il capitale versato.

Polizza Long Term Care: costo

Il costo delle Polizze Long Term Care aumenta ovviamente con il salire della variabile anagrafica dato che il rischio di perdere l’autosufficienza è più elevato.

Ovviamente, la quotazione di una polizza LTC dipende da Compagnia a Compagnia, per questo è importante leggere attentamente tutte le condizioni economiche riportate sul fascicolo informativo del prodotto, prima di procedere con la sottoscrizione.

Assicurazione LTC: consigli utili

Prima di sottoscrivere una polizza assicurativa LTC ti consigliamo vivamente di verificare le clausole contrattuali e le condizioni economiche applicate dalla Compagnia assicurativa.

Verifica accuratamente le esclusioni previste dalle Compagnie, non fermarti mai alla prima proposta, fai un’analisi certosina delle offerte assicurative reperibili sul mercato e confronta più preventivi.

Polizza vita: quanto costa?