CheScelta
Polizze Vita Rivalutabili
Home » Assicurazioni vita » Tipologie polizze vita » Polizze Vita Rivalutabili

Polizze Vita Rivalutabili

Le polizze vita Ramo 1 o a gestione separata sono quei prodotti assicurativi sempre più amati dai risparmiatori italiani.

Le motivazioni sono davvero semplici da comprendere: si tratta di strumenti di risparmio che si contraddistinguono per il basso profilo di rischio, assicurano la parziale garanzia del capitale versato e proteggono dalle oscillazioni improvvise nel valore.

E, allora, cosa sono le Polizze Vita Rivalutabili? Perché i piccoli investitori sono sempre più propensi a sottoscrivere un contratto d’assicurazione rivalutabile?

Scopriamo in questa guida dedicata quali sono le caratteristiche peculiari ed il meccanismo di funzionamento delle assicurazioni rivalutabili.

Polizze vita ramo 1: perché sceglierle?

Le polizze vita Ramo 1 sono prodotti assicurativi sempre più richiesti dai piccoli risparmiatori poco propensi ad assumersi i rischi dei mercati finanziari.

Tra i vari elementi che è importante valutare attentamente al momento della scelta c’è la “Gestione separata” presente nelle polizze sulla vita di Ramo I: le assicurazioni sulla durata della vita umana.

Si tratta di fondi creati e distinti dalle altre attività della Compagnia assicurativa, nei quali confluiscono i premi assicurativi versati dai contraenti.

Ciò significa che se la Compagnia di assicurazione fallisce, il capitale accantonato è garantito ai clienti, è intaccabile dai creditori e non è pignorabile.

Le somme raccolte sono investite in titoli obbligazionari, per questo assicurano un rendimento economico certo.

Inoltre, i prezzi dei suddetti bond non sono soggetti alle oscillazioni dei mercati finanziari.

Questo meccanismo di funzionamento contraddistingue le polizze vita rivalutabili dalle altre tipologie di assicurazioni vita.

Cosa sono le polizze vita rivalutabili?

Le polizze vita rivalutabili sono un interessante prodotto che consente di accumulare del capitale nel corso di un periodo medio-lungo.

Si tratta di un contratto di assicurazione sulla vita che lega il livello delle performance al rendimento che la Compagnia assicurativa ottiene investendo i premi raccolti.

I premi assicurativi versati dai contraenti vengono immessi ed investiti in una particolare gestione separata rispetto al complesso delle attività della Compagnia assicurativa.

In questo modo, i rendimenti economici maturati annualmente vengono consolidati e incrementano la prestazione assicurativa garantita, secondo una determinata percentuale stabilita contrattualmente: c.d. aliquota di retrocessione.

L’adozione di un arco di tempo medio-lungo consente ad ogni investitore di creare una disponibilità finanziaria a favore di un soggetto beneficiario designato dal contraente della polizza.

Anche se non può assicurare delle performance particolarmente apprezzabili, la polizza vita rivalutabile prevede dei rendimenti garantiti che, una volta acquisiti, non possono essere intaccati neanche qualora l’andamento della Gestione Separata fosse negativo.

Pertanto, siamo di fronte ad un prodotto che assicura un margine di guadagno non elevato ma assicura un rendimento garantito.

Ovviamente, la sottoscrizione di una polizza vita rivalutabile deve essere sempre valutata ad hoc in base alle diverse esigenze degli investitori.

Ma, in linea generale, possiamo notare che si configurano come una scelta sicura anche per investitori con un basso profilo di rischio, grazie all’accantonamento dei premi in una Gestione Separata interna alla Compagnia.

Polizze rivalutabili gestione separata: le caratteristiche

Per capire il funzionamento delle polizze rivalutabili a gestione separata ecco le caratteristiche distintive da valutare attentamente:

  • il capitale versato dai contraenti della polizza vita rivalutabile viene rivalutato ogni anno in base al rendimento del Fondo a Gestione Separata interno alla Compagnia di Assicurazione,
  • a prescindere dalla formula di pagamento dei premi che il cliente ha scelto (premio annuo, premio unico, premio unico ricorrente, ecc.), il meccanismo di funzionamento alla base delle polizze vita rivalutabili è quello della capitalizzazione composta, ovvero gli interessi vengono calcolati sulla somma di capitale versato e interessi maturati,
  • i rendimenti non possono risentire degli andamenti successivi della Gestione Separata, anche se questi fossero negativi,
  • una volta scaduto il contratto di assicurazione, viene corrisposto, sul capitale accantonato durante gli anni di permanenza nella Gestione Separata, un rendimento minimo garantito, che si aggira intorno al 2%.

Polizza vita rivalutabile: chi può sottoscriverla?

Tutti i piccoli investitori che abbiano una sufficiente liquidità monetaria possono valutare la sottoscrizione di un’assicurazione vita rivalutabile.

Infatti, è un prodotto adatto a chiunque voglia accantonare una somma di denaro con la finalità di costituire un capitale a una data scadenza contrattuale.

Il rischio di perdere il capitale versato nella Gestione Separata è praticamente pari a zero.

Ecco qualche esempio: un nonno o una nonna che vogliono accumulare una somma per un nipotino o un padre o una madre che desiderano costituire un capitale per i figli in previsione degli studi universitari.

I premi versati, dedotti i costi, confluiscono in un fondo a Gestione Separata della Compagnia che provvederà a gestirli in modo tale da ottenere ogni anno dei rendimenti, i quali saranno retrocessi.

Ogni risparmiatore, oltre all’intero capitale versato negli anni e al rendimento minimo garantito previsto dal contratto (ad esempio un 2%), maturerà la possibilità di partecipare agli utili, solo se la performance della Gestione Separata avrà dato i frutti sperati.

Polizza vita mista rivalutabile: cos’è?

Un’interessante tipologia di polizza vita rivalutabile da valutare attentamente è quella mista.

Che significa? In alcune assicurazioni rivalutabili potrebbe esserci una componente di costo dedicata ad altre garanzie come l’Invalidità Permanente o il Caso Morte.

In questo caso si parla di polizza vita mista rivalutabile dato che viene corrisposto un capitale sia in caso di morte dell’assicurato prima della scadenza del contratto, sia nel caso vita dell’assicurato a scadenza.

In questa tipologia di contratto assicurativo, non tutto il premio sarà destinato all’accantonamento in Gestione Separata.

Infatti, una parte dei premi assicurativi verrà destinata alla copertura del caso morte o dell’invalidità permanente.

Nella polizza vita mista rivalutabile a premi annui, le prestazioni assicurative erogate a fine contratto sono “ridotte”: l’assicurato ottiene la restituzione del capitale versato.

Polizze vita rivalutabili: quali sono i vantaggi fiscali?

La sottoscrizione di una polizza vita rivalutabile consente di beneficiare di una serie di vantaggi fiscali rispetto ad altri strumenti di gestione del risparmio.

I premi versati sono detraibili al 19% e, come i libretti postali, le polizze vita rivalutabili sono esonerate dal pagamento dell’imposta di bollo.

Riscatto Polizze Vita rivalutabili

Un aspetto negativo da valutare riguarda le penali applicate dalla Compagnia assicurativa alle Polizze Vita rivalutabili nel caso di richiesta di riscatto anticipato.

La presenza delle penali in caso di riscatto rendere antieconomica questa scelta di investimento.

Pertanto, dobbiamo concludere che se la scelta ricade su questa tipologia di prodotti assicurativi, è buon consiglio portare a termine il pagamento dei premi.

 

Vota questo articolo