Carta di credito a saldo
Home » Carte di credito » Tipologie carte credito » Carta di credito a saldo

Carta di credito a saldo

La carta di credito è uno strumento di pagamento molto utile per effettuare i pagamenti sia in negozio che online. Per tale motivo in quasi tutti i conti correnti viene proposta tra le carte di pagamento.

Ci sono, tuttavia, due tipologie di carte di credito: con modalità di rimborso a saldo o revolving.

In questo articolo analizzeremo la prima categoria, ossia le carte di credito a saldo, per scoprire le caratteristiche principali, i costi più comuni legati alla carta ma anche quali sono le migliori in circolazione. Un’analisi, quindi, che permette di capire in cosa consiste il rimborso a saldo e se è la modalità migliore per le tue esigenze.

Le migliori carte di credito a saldo

Carta
Caratteristiche
Voto / vantaggi
Richiedi
Canone gratuito primo anno
Carta di credito Mediolanum
Scarica scheda di sintesi
  • Canone: Gratis primo anno, poi €40 annui
  • Circuito: Visa o MasterCard
  • Plafond: a partire da €1.500
  • Anticipo contante: 4%, con un minimo di €0,52 in Italia, €5,16 all’estero

🎁 Promo: Canone gratuito per il primo anno

🎁 Promo: Canone annuo €12 per titolari conto Selfy

Pagamenti tramite smartphone e smartwatch

Carta a saldo o con rateizzazione

 

Carta di credito a opzione
Carta di credito Visa Banca Sella
Scarica scheda di sintesi
  • Canone: €41 annui
  • Circuito: Visa
  • Plafond: massimo €1.300 mensili
  • Anticipo contante: 4%, con un minimo di €0,51 in Europa, €5,16 all’estero

Pagamenti tramite smartphone

Carta a saldo o revolving

 

Canone gratis primo anno
American Express Oro
Scarica scheda di sintesi
  • Canone: Gratis primo anno, poi €14 al mese (€168/anno)
  • Circuito: American Express
  • Plafond: Non prestabilito
  • Anticipo contante: 3,9% -min. €1,25
  • Limite prelievo: €500 in Italia e €999 all’estero ogni 8 giorni

🎁 Promo: Canone gratis primo anno richiedendola online

Protezione su viaggi, acquisti e antifrode

Nessun limite di spesa prestabilito

 

Canone gratis primo anno
American Express Verde
Scarica scheda di sintesi
  • Canone: Gratis primo anno, poi €75 annui
  • Circuito: American Express
  • Plafond: Non prestabilito
  • Anticipo contante: 3,9% -min. €1,25
  • Limite prelievo: €250 in Italia e €500 all’estero ogni 8 giorni
PROMO LAMPO

🎁 Promo: Canone gratis per sempre spendendo €3.600 in 12 mesi – entro il 15/06/2021

🎁 Promo: Sconto di €100 sugli acquisti spendendo almeno €500 nei primi 3 mesi – entro il 15/06/2021

Canone gratuito primo anno

Nessun limite di spesa prestabilito

 

Canone gratis primo anno
American Express Blu
Scarica scheda di sintesi
  • Canone: Gratis primo anno, poi €35 annui
  • Circuito: American Express
  • Plafond: massimo €5.000
  • Anticipo contante: 3,9% -min. €2,60
  • Limite prelievo: €500 ogni 8 giorni, max il 20% del fido
  • Tan - Taeg: 14%/18,25%
PROMO LAMPO

🎁 Promo: Canone gratis per sempre – entro il 15/06/2021

🎁 Promo: Cashback del 2% – entro il 15/06/2021

Canone gratuito primo anno

Carta di credito A SALDO o REVOLVING

 

Nessun limite di spesa
American Express Alitalia Platino
Scarica scheda di sintesi
  • Canone: €58,50 al mese
  • Circuito: American Express
  • Plafond: Non prestabilito
  • Anticipo contante: 3,9% -min. €1,25
  • Limite prelievo: €999 ogni 8 giorni

🎁 Promo: fino a 30.000 miglia spendendo almeno €6.000 nei primi 3 mesi

Protezione su viaggi, acquisti e antifrode

5 carte supplementari incluse

 

Nessun limite di spesa
American Express Payback
Scarica scheda di sintesi
  • Canone: Gratuito
  • Circuito: American Express
  • Plafond: Non prestabilito
  • Anticipo contante: 3,9% -min. €1,25
  • Limite prelievo: €250 in Italia, €500 all’estero ogni 8 giorni

🎁 Promo: canone gratuito effettuando almeno un acquisto all’anno

Protezione su viaggi, acquisti e antifrode

Nessun limite di spesa prestabilito

 

Le caratteristiche delle carte di credito a saldo

Per comprendere la modalità di rimborso a saldo è importante capire cos’è in realtà una carta di credito. Si tratta di un tipo di carta dotata di chip su cui sono incisi i numeri in rilievo associati alla stessa, il nome del titolare, la banda magnetica, il nome della banca ed il logo del circuito di pagamento.

Per poter richiedere una carta di credito è necessario essere titolari di un conto corrente presso un istituto bancario, ma anche aver fatto richiesta della carta e, di conseguenza, del cosiddetto fido o plafond.

Questo rappresenta il limite massimo mensile di spesa che il titolare della carta può spendere. Per il calcolo del fido, la banca effettua un’analisi sul cliente della banca per valutarne l’affidabilità poiché il titolare sarà tenuto a rimborsare tutte quelle spese che ha effettuato nell’arco di un mese attingendo proprio al plafond concesso dalla banca.

Le carte di credito a saldo sono quelle in cui il rimborso delle spese avviene in una data stabilita dalla banca e perciò in un’unica soluzione. In genere la data del rimborso è il 1º, il 5º, il 10º o il 15º del mese.

Questa tipologia di carta è la più comune d’Italia e permette di pagare tutte le spese effettuate durante il mese in un’unica soluzione della data prestabilita, con un addebito sul conto corrente.

Le carte di credito con la modalità a saldo, tuttavia, possono anche permettere ai titolari di pagare a rate singole spese o alcune per un numero di mesi che va da 3 a oltre 20.

I principali costi delle carte di credito a saldo

Le carte di credito presentano generalmente alcuni costi di cui bisogna tener conto nella scelta del conto corrente e, di conseguenza, della stessa carta.

Tra i costi più comuni troviamo il canone, che il più delle volte è calcolato annualmente. Tuttavia, ci sono alcuni conti correnti in cui la carta di credito è offerta gratuitamente per sempre o per un periodo prestabilito. Non mancano, poi, promozioni e sconti per ridurre o azzerare il canone.

Altra spesa da calcolare è la commissione per l’anticipo di contante che di solito ammonta al 4% dell’importo prelevato, ma i circuiti e le banche spesso impongono una commissione minima da pagare.

Tra i costi, poi, troviamo le commissioni di rinnovo o di emissione della carta, che possono essere gratuite o meno a discrezione degli istituti bancari.

Raramente, invece, è a carico dello stesso istituto il pagamento dell’imposta di bollo sugli estratti conto superiori a €77,47 che ammonta a €2.

Tra le commissioni, poi, può esserci quella calcolata sul rifornimento di carburante

Come scegliere la migliore carta di credito a saldo

Per richiedere una carta di credito a saldo conveniente ed economica bisogna prestare attenzione a diversi fattori.

Il primo è sicuramente il costo del canone e le eventuali promozioni attive per ridurre o azzerare il costo annuale. Insieme al canone è opportuno verificare anche gli altri costi e gli interessi. Tra i costi è importante verificare quelli di blocco della carta e di sostituzione in caso di furto.

Il secondo è il fido massimo concesso ai titolari della carta. Questo, infatti, corrisponde all’importo massimo che potrà essere speso in un mese senza pagare ulteriori spese o interessi sull’extra fido o sconfinamento del fido.

Per una maggiore flessibilità, poi, si può optare per le carte di credito con rimborso posticipato. Infatti, alcune banche permettono ai titolari delle carte di credito di rimborsare le spese fino a 48 o 58 giorni e senza costi o interessi aggiuntivi, ma sempre in un’unica soluzione, ossia con la modalità a saldo.

Altro importante aspetto da valutare è la polizza assicurativa inclusa con la carta e i livelli di sicurezza di cui la stessa carta è dotata, sia per gli acquisti in negozio o online sia per i prelievi presso gli ATM.

Un altro fattore determinante per la scelta della carta di credito è l’importo massimo giornaliero che può essere speso o prelevato, che può essere più o meno alto in base alle esigenze personali.

Molte carte di credito, inoltre, prevedono programmi fedeltà con sconti su prodotti o esperienze.

Per chi viaggia spesso all’estero è consigliabile cercare una carta di credito con funzioni e sconti pensati proprio per i viaggiatori, con commissioni basse e raccolta punti convertibili in miglia o biglietti gratuiti.

Per scegliere la migliore carta di credito a saldo è, perciò, importante confrontare tutti i costi previsti, gli interessi, ma anche il fido massimo, le polizze assicurative previste e i vantaggi riservati ai titolari.

È altrettanto importante individuare le migliori promozioni, e ricordarsi di valutare oltre alla carta di credito anche il conto corrente a cui collegarla.

Requisiti per richiedere la carta di credito

Le carte di credito non sono concesse a tutti i titolari di un conto corrente. Infatti, il cliente della banca deve soddisfare alcuni requisiti imposti dall’istituto.

Si tratta di requisiti di affidabilità che garantiscono alla banca che il titolare è capace di rimborsare le spese effettuate con la carta attingendo al fido concesso.

In genere, i requisiti da rispettare sono:

  • Essere residente in Italia
  • Avere la maggiore età
  • Essere titolare di un conto corrente che preveda la carta di credito
  • Avere un reddito dimostrabile
  • Non avere debiti
  • Non essere un cattivo pagatore

Il reddito, poi, deve essere superiore ad un certo importo stabilito dall’istituto bancario. Alcune banche, inoltre, possono richiedere che il titolare sia cliente da un certo periodo di tempo, oppure che abbia l’accredito dello stipendio o della pensione sul conto corrente in questione.

Per richiedere la carta di credito generalmente vengono richiesti alcuni documenti, tra cui:

  • Documento di identità
  • Codice fiscale
  • Permesso di soggiorno per stranieri
  • Busta paga/cedolino della pensione/Modello Unico

La banca, infine, effettua una valutazione e, se ha un esito positivo, concede il fido al titolare della carta di credito inviandola via posta.